Social Search: Bing e Facebook fanno coppia

15 Oct

[tweetmeme source= “copyare” only_single=false]

È da tempo che le indiscrezioni rimbalzavano per la rete, senza tuttavia essere nè confermate nè smentite; finalmente due giorni fa è arrivata la notizia ufficiale: Microsoft e Facebook hanno stretto alleanza nell’ambito della “social search”.
In sostanza, la prossima volta che utilizzeremo Bing ci verrà chiesto se vogliamo integrare nella nostra ricerca anche il nostro profilo Facebook, permettendoci così di visualizzare nei risultati un modulo in cui compaiono i “like” dei nostri amici riguardo all’oggetto della ricerca, ed i loro eventuali commenti in merito.

Che Facebook si evolvesse come motore di ricerca, mi pare fosse una cosa ovvia: nell’epoca del marketing relazionale e del Cluetrain Manifesto, esso diviene una miniera preziosissima di informazioni, un ricettacolo di influencer, un insieme di micro reti legate tra loro.
Perchè è questo il grande valore che possiede il colosso di Zukerberg, e vale molto più di un algoritmo che, per quanto raffinato, rimane comunque sordo alle opinioni di chi conosciamo, ai consigli di chi appartiene alla nostra rete di conoscenze.
In tal senso, la mossa di Microsoft potrebbe essere il punto di svolta per Bing, il motore di ricerca semantico nato sotto le migliori aspettative, che avrebbe dovuto segnare un cambio di marcia nel suo settore, ma che non è riuscito ad erodere quote significative di mercato a Google.
Quest’ultimo, d’altro canto, non può certo dormire sonni tranquilli: dopo i tentativi fallimentari di entrare nel mondo dei social network (ricordiamo Google Wave, Buzz, Orkut…), questo accordo potrebbe mettere in difficoltà ulteriormente Mountain View circa l’ingresso nel nuovo settore del social search, nonostante proprio oggi abbia pubblicato risultati oltre le stime degli utili negli ultimi quattro mesi.


A prescindere da tutto questo, quello che più conta è sottolineare come da questo momento, ancora più che in passato, un “like” su Facebook influenzerà in maniera significativa la posizione di un brand e un prodotto su un motore di ricerca: alla qualità dei link – in ottica seo – si sostituirà la qualità del “like”.
Un cambiamento che non mi dispiace affatto, che potrebbe aprire nuovi scenari nell’approccio alle campagne web dei brand: che non debba conformarsi solamente ad algoritmi, ma che metta sempre più al centro le opinioni della nostra rete di persone fidate.
Ed è intorno a questa parola che si gioca tutto, a mio avviso: la fiducia.
L’accordo tra Facebook e Bing ha sancito, in definitiva, il fatto che un buon lavoro di digital pr da oggi varrà molto più che un buon posizionamento nei motori di ricerca.

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Advertisements

3 Responses to “Social Search: Bing e Facebook fanno coppia”

  1. erica October 17, 2010 at 5:01 pm #

    hehe, buon lavoro da digital pr caro!
    in bocca al lupo 🙂

    • Stefano Giordanelli October 17, 2010 at 5:10 pm #

      Crepi (il cacciatore)!
      A breve anche tu ci sguazzerai dentro, sicuro 🙂
      Grazie mille, a presto.

Trackbacks/Pingbacks

  1. RockMelt, il social browser | Copyare - November 15, 2010

    […] in rete è l’obiettivo un po’ di tutti in questo periodo: dopo Bing, di cui avevamo già parlato, e in attesa di sapere le novità riguardo a Facebook, eccovi RockMelt, il servizio che unisce […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s